4.640 bitcoin sono di nuovo nei conti dei nostri utenti, afferma il CEO di NiceHash sul rimborso degli hack

NiceHash ha annunciato il completamento del suo programma di rimborso dopo quasi tre anni. L’azienda ha rimborsato 4.640 Bitcoin ai suoi utenti che erano stati presi di mira nell’hacking del 2017. L’azienda si aspettava di completare il rimborso prima; tuttavia, i poveri mercati crittografici hanno reso difficile per l’azienda farlo.

Il rimborso ora ha coinciso con l’attuale rally di Bitcoin con i prezzi che hanno raggiunto un nuovo massimo storico di $ 23.000. Il team di NiceHash ha affermato che i suoi utenti vedrebbero lo stato del programma di rimborso nei loro portafogli. L’operatore NiceHash H-BIT ha lanciato il programma di rimborso nel febbraio 2018, che è stato finanziato da commissioni e profitti, che ha dichiarato:

Tuttavia, abbiamo mantenuto il nostro impegno iniziale di rimborsare integralmente i fondi rubati

Il 6 dicembre 2017, NiceHash ha affermato che il contenuto del suo portafoglio Bitcoin era stato rubato in una violazione della sicurezza dopo che gli autori avrebbero violato il computer di un dipendente.

Il capo del marketing di NiceHash, Andrej P. Škraba, ha affermato in un rapporto che l’hack era „un attacco altamente professionale con sofisticata ingegneria sociale“. L’azienda ha rivelato che a seguito dell’hacking, ha perso 4.640 BTC per un valore di circa $ 64 milioni all’epoca.

Inoltre, Martin Škorjanc, CEO di NiceHash, ha spiegato in una lettera come „consulenti ed esperti“ abbiano detto all’azienda di chiudere la società „e sfruttare al massimo il collasso“ dopo l’hack. Ha anche aggiunto :

All’epoca, la nostra azienda è stata vittima del più grande furto nella storia della Slovenia

Criminali ancora sconosciuti hanno rubato 4.640 Bitcoin ai nostri utenti, per un valore di 55 milioni all’epoca e oltre 100 milioni di dollari USA oggi.

Secondo la lettera del CEO, l’identità degli hacker non è ancora chiara. Inoltre, anche Europol e l’FBI hanno indagato sul cyber hack a NiceHash, ma gli autori non sono stati ancora trovati.

Ringraziando i suoi utenti per la loro fiducia, Martin Škorjanc ha inoltre affermato nel comunicato che la piattaforma è ora tra i mercati di criptovaluta più sicuri al mondo e che hanno “saldato completamente tutte le passività fiscali e 4.640 bitcoin sono di nuovo nei conti dei nostri utenti. „